Forum - @ Post Cantanti Donne Italiane

Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) @ Mia Martini



Mia Martini, pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè detta Mimì (Bagnara Calabra, 20 settembre 1947 – Cardano al Campo, 12 maggio 1995), è stata una cantante italiana; in alcune occasioni è stata cantautrice, scrivendo i testi di alcune sue canzoni.



La sua voce, intensa e struggente colorata di mille sfumature, ci ha accompagnato per molti anni. Spesso l'abbiamo vista scomparire per lunghi periodi, poi l'ennesima risalita. Silenzi a volte voluti e a volte no. Testarda, professionista, diffidente verso il suo ambiente, sola. La sua vita era la musica. Nel suo canto la passione sanguigna del sud. Il percorso artistico di Mia Martini non è stato dei più facili. Il proprio successo lo ha costruito caparbiamente senza forzature, senza quei compromessi tipici di chi si adegua all'industria discografica, sempre coerente con le proprie idee. Decisioni che spesso si rivelano a doppio taglio. Per vendere un disco in più, non ha mai voluto barare con la propria coscienza, nemmeno quando, quindicenne, inizia a incidere come ragazzina yè-yè, la risposta italiana alle varie Sylvie Vartan, Sheila, e altre giovanissime cantanti di grido internazionali.
2149571
« immagine » Mia Martini, pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè detta Mimì (Bagnara Calabra, 20 settembre 1947 – Cardano al C...
Discussione
04/04/2016 19:46:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) Mia Martini

Mimì in tono affettivo e diminutivo di Domenica Bertè, il suo vero cognome, nata a Bagnara Calabra il 2 settembre del 1947. Ebbe prestissimo l'incontro con la musica. Piccole feste di paese e concorsi dilettantistici per voci nuove. Di fatto, però, non accadeva nulla di rilevante. Da qui, l'idea di trasferirsi con la madre a Milano, alla ricerca di un contratto discografico. Dopo tanti no, è il discografico Carlo Alberto Rossi - titolare di un'etichetta di cui fanno parte, tra gli altri, gli urlatori Joe Sentieri e Jenny Luna - a credere alle potenzialità della ragazzina. Il primo disco arriva nel '63. ... un 45 giri che contiene due cover, "I miei baci non puoi scordare" ("You Can Never Stop MeLoving You" di Ian Samwell) e "Lontani dal resto del mondo" ("I Want To Stay Here", un successo del duo Andy Williams ed Edy Gorm), cui fa seguito un secondo con "Insieme" (televisione con mamma e papà).



I giovani la scoprono con il terzo 45 giri, "Il magone", edito nel '64, che ottiene un buon successo di vendita.



Lo stesso anno incide "Ed ora che abbiamo litigato", una canzone-surf, moda del momento, che Mimì presenta nel seguitissimo show televisivo Teatro 10 condotto da Lelio Luttazzi.

poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) Mia Martini



Bisogna attendere due anni, prima di ritrovarla sul mercato discografico. Il 30 giugno del '66 la giovane interprete registra per la Durium due nuovi brani, "Non sarà tardi" e "Quattro settimane", che compongono un 45 giri destinato all'estate. L'interesse del pubblico è scarso.




Per cinque anni, di lei si perdono completamente le tracce.

Quando riappare sulla scena discografica, nel 1971, nessuno più collega la ragazzina yè-yè a questo nuovo personaggio, proiettato verso un repertorio d'avanguardia e con un nuovo nome d'arte: Mia Martini. Il primo disco è un 45 giri di grande impatto: due canzoni che fanno discutere e che le procurano situazioni al tempo stesso positive e negative. La prima è la dissacrante "Padre davvero", dai toni forti.



L'altra è "Amore... amore... un corno!"



scritta da un giovanissimo autore romano, Claudio Baglioni, che con lei partecipa al Cantagiro di quell'anno. Se "Padre davvero" permette a Mia di aggiudicarsi la vittoria al primo Festival della Musica d'Avanguardia e Nuove Tendenze di Viareggio, all'inizio dell'estate '71, d'altro canto, il brano viene censurato dalla programmazione radiofonica. Ciò a causa del dissacrante testo, in cui si narra la storia di una ragazza in conflitto generazionale con il padre. Di fatto, è una frase riferita alla madre a suscitare il maggior scalpore: "di me era piena" canta Mia riferendosi allo stato di gravidanza.
12546612
« immagine » Bisogna attendere due anni, prima di ritrovarla sul mercato discografico. Il 30 giugno del '66 la giovane interprete...
Risposta
04/04/2016 19:46:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) Mia Martini



La RCA però crede in lei e, qualche mese dopo, sotto la guida di Alberigo Crocetta (scopritore qualche anno prima anche di Patty Pravo e Mal) è pronto il primo album: Oltre la collina, uno dei migliori lavori mai realizzati da un'interprete femminile. Il disco risulta però troppo avanzato, sotto il profilo musicale, per ottenere quel riconoscimento che lei stava ricercando. Lasciata la RCA, Mia firma un nuovo contratto discografico legandosi alla Ricordi, con cui centra immediatamente il successo alla prima incisione: "Piccolo uomo", un brano scritto da Bruno Lauzi che le permette di aggiudicarsi anche la vittoria al Festivalbar del '72.



Vittoria che si ripete anche l'anno successivo con "Minuetto", successo, in questo caso, condiviso con la collega Marcella.



Con la Ricordi la cantante resta quattro anni, ottenendo il successo con brani come "Donna sola" (premiato alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia come 45 giri più venduto dell'anno), "Inno", "Al mondo", e con album di grande riscontro commerciale come Nel mondo, una cosa (Premio della Critica come miglior LP del '72 e terzo posto nella classifica di vendita), Il giorno dopo, ... proprio come vivere e Sensi e controsensi. Con meno entusiasmo vengono accolti i successivi Un altro giorno con me e la raccolta Mia. Nel '75 riceve il Premio della Critica Europea di Palma de Mallorca con il brano "Nevicate" e inizia una collaborazione artistica con Charles Aznavour, con cui tiene una serie di concerti che la portano in giro per l'Europa, fino al prestigioso Olympia di Parigi, tempio della musica internazionale.
12546613
« immagine » La RCA però crede in lei e, qualche mese dopo, sotto la guida di Alberigo Crocetta (scopritore qualche anno prima an...
Risposta
04/04/2016 19:46:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) Mia Martini



Con la Ricordi la cantante resta quattro anni, ottenendo il successo con brani come "Donna sola" (premiato alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia come 45 giri più venduto dell'anno)



Con album di grande riscontro commerciale come Nel mondo, una cosa (Premio della Critica come miglior LP del '72 e terzo posto nella classifica di vendita)



Con meno entusiasmo vengono accolti i successivi Un altro giorno con me e la raccolta Mia.



Nel '75 riceve il Premio della Critica Europea di Palma de Mallorca con il brano "Nevicate" e inizia una collaborazione artistica con Charles Aznavour, con cui tiene una serie di concerti che la portano in giro per l'Europa, fino al prestigioso Olympia di Parigi, tempio della musica internazionale.
12546614
« immagine » Con la Ricordi la cantante resta quattro anni, ottenendo il successo con brani come "Donna sola" (premiato alla Most...
Risposta
04/04/2016 19:46:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) Mia Martini



Nel '75 riceve il Premio della Critica Europea di Palma de Mallorca con il brano "Nevicate"



E inizia una collaborazione artistica con Charles Aznavour, con cui tiene una serie di concerti che la portano in giro per l'Europa, fino al prestigioso Olympia di Parigi, tempio della musica internazionale.

Nel '76 ritorna alla casa discografica che l'aveva rilanciata cinque anni prima, la RCA, attraverso un'etichetta giovane da poco costituita, la Come il Vento. Che vuoi che sia... se t'ho aspettato tanto, album e singolo, sanciscono questo nuovo sodalizio artistico.



L'anno dopo, la cantante rappresenta l'Italia al Gran Premio Eurovisivo della Canzone presentando "Libera" brano che la impone sia sul mercato europeo, sia su quello canadese e giapponese.

12546615
« immagine » Nel '75 riceve il Premio della Critica Europea di Palma de Mallorca con il brano "Nevicate" « video » E inizia una c...
Risposta
04/04/2016 19:46:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:46 Quota

(nessuno) Mia Martini



Viene invitata al prestigioso World Popular Song Festival Yamaha di Tokyo come unica rappresentante italiana. Esegue "Ritratto di donna", brano del 1977 tratto dall'album "Per amarti", con cui in quell'anno Mia vinse il World Popular Song Festival di Tokyo.



Dall'incontro con Ivano Fossati nasce un sodalizio (artistico e sentimentale) destinato a protrarsi per diversi anni. Il musicista genovese regala a Mia, tra le altre, una splendida "Vola" e un album di grande spessore quale è Danza.



Poi, due anni di silenzio prima di tornare in sala di registrazione.
12546616
« immagine » Viene invitata al prestigioso World Popular Song Festival Yamaha di Tokyo come unica rappresentante italiana. Esegue...
Risposta
04/04/2016 19:46:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 19:47 Quota

(nessuno) Mia Martini

Questa volta è la DDD ad assicurarsi l'apporto artistico di Mia. L'album Mimì, inciso nell'81 tra Londra e gli usa - e prodotto da Dick Halligan uno dei fondatori del gruppo Blood, Sweat & Tears - la vede in veste di cantautrice, a cui fa seguito il più fortunato Quante volte... ho contato le stelle(1982)



Il primo live, Miei compagni di viaggio (1983),



nel quale rivisita, tra gli altri, il repertorio di grandi autori come Fabrizio De Andrè, Leonard Cohen, Luigi Tenco, Francesco De Gregori, John Lennon, Randy Newman (uno degli autori da lei più amati) e Jimi Hendrix.

Tra un album e l'altro, arriva la sua partecipazione al Festival di Sanremo dell'82, dove propone la suggestiva "E non finisce mica il cielo", scritta da Fossati e premiata con il Premio della Critica.

poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:32 Quota

(nessuno) Mia Martini

Tantissimi sono stati gli eventi dedicati a Mia Martini, elencarli tutti sarebbe impossibile, ve ne propongo alcuni.




Il libro di Domenico Gallo Mia Martini "Io sono la Calabria"
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:35 Quota

(nessuno) Mia Martini



Il libro di Giorgio Nobis "la mia Mimì" il mio viaggio con Mia Martini
Con questo libro l’autore intende illustrare le principali tappe del suo cammino al seguito della grande Mia Martini ritraendola più dal lato umano che da quello artistico e cercando essenzialmente di trasmettere al lettore le grandi emozioni che Mimì gli ha donato attraverso la sua straordinaria voce e la sua estrema sensibilità, ricordando curiosi aneddoti e documentando il tutto in oltre 60 pagine di fotografie inedite personalmente scattatele a partire dagli anni ’70.
12547002
« immagine » Il libro di Giorgio Nobis "la mia Mimì" il mio viaggio con Mia Martini Con questo libro l’autore intende illustrare ...
Risposta
04/04/2016 22:35:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:42 Quota

(nessuno) Mia Martini



Grande successo di pubblico al "Centro Polivalente Sandro Pertini" di Magnacavallo per lo spettacolo "Canto Mimì" di Gilda Giuliani.
12547018
« immagine » Grande successo di pubblico al "Centro Polivalente Sandro Pertini" di Magnacavallo per lo spettacolo "Canto Mimì" di...
Risposta
04/04/2016 22:42:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:45 Quota

(nessuno) Mia Martini



Si intitola “Liberamente Mia” il nuovo dvd ideato, scritto e montato da Menico Caroli per Sony Music, su licenza Raitrade. Pregio del lavoro è riunire - per la prima volta in un’unica lunga sequenza, concepita come il “film” della vita di Mia Martini - le clip più emozionanti della indimenticata artista calabrese, dagli inizi yé yé “Ed ora che abbiamo litigato”, 1964 all’ultimo grande Sanremo da autentica primadonna della musica “Gli uomini non cambiano”, 1992. Ogni clip è alternata a frammenti di interviste, ritagli di stampa d’epoca e dalle copertine originali dei dischi. Interessanti le didascalie sovrapposte ai brani censurati dalla Commissione di ascolto interna alla Rai, attivissima negli anni Settanta. Autentiche chicche sono i video dei brani “Bolero”, “Libera”, “Un uomo per me (celebre cover di “Somebody to Love” dei Queen) e della splendida “Danza” di Ivano Fossati, quest’ultima impreziosita dalla presenza di Aida Cooper e Rossana Casale, all’epoca coriste della Martini. Il lavoro nasce da un’attenta e meticolosa opera di ricerca operata negli sconfinati archivi della Rai, lavoro che ha consentito di recuperare, fra gli altri, documenti rari e dimenticati come la splendida e coloratissima clip del brano “Lucy”, unica apparizione televisiva della Martini nel 1986, e “la prima volta” in video di una delle canzoni più amate della cantautrice calabrese, “Stelle”, dedicata “al carrozzone dello spettacolo”.
12547023
« immagine » Si intitola “Liberamente Mia” il nuovo dvd ideato, scritto e montato da Menico Caroli per Sony Music, su licenza Rai...
Risposta
04/04/2016 22:45:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:49 Quota

(nessuno) Mia Martini



"Chiamatemi Mimì" - Omaggio a Mia Martini

Il Comune di Somma Vesuviana dedica una serata a Mia Martini.
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:50 Quota

(nessuno) Mia Martini



"Per Amarti" - Omaggio a Mia Martini

Il 29 settembre 2007 dalle ore 16,00 all'Auditorium Comunale del Comune di Cavaria (VA
12547031
« immagine » "Per Amarti" - Omaggio a Mia Martini Il 29 settembre 2007 dalle ore 16,00 all'Auditorium Comunale del Comune di Cava...
Risposta
04/04/2016 22:50:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:55 Quota

(nessuno) Mia Martini



Stai con me: Omaggio a Mia Martini Teatro Comunale di Bucine (AR)
Un omaggio a Mia Martini “Stai con me” in parole, musica e immagini con la presentazione del libro “La Regina senza trono”.
12547038
« immagine » Stai con me: Omaggio a Mia Martini Teatro Comunale di Bucine (AR) Un omaggio a Mia Martini “Stai con me” in parole, ...
Risposta
04/04/2016 22:55:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 22:59 Quota

(nessuno) Mia Martini



Cineteatro ‘Aurora’ di S. Agata Militello (Messina) "MIMI' CHE LA VITA RACCONTA"

“Mimì che la vita racconta” è un musical con sedici brani inediti ispirati alla vita di Mia Martini, alcune immagini di repertorio, qualche frase tratta dai suoi brani, la danza che si integra tra musica e parole per raccontare il percorso intimo dell'artista. Un omaggio a Mia Martini, nato idealmente anni fa, quando, pochi giorni dopo l’annuncio della sua morte, la radio trasmise il provino del brano “E la vita racconta”. Furono le sue prime parole, le prime parole della grande artista che non c’era più e che da allora divenne per Italo Zeus, il regista e autore dello spettacolo, una sorta di spirito guida in questo difficile mondo dello spettacolo, ma anche il racconto di una vita dedicata a quel talento di cui non è riuscita ad essere sicura neanche dopo trent’ anni di conferme.
12547047
« immagine » Cineteatro ‘Aurora’ di S. Agata Militello (Messina) "MIMI' CHE LA VITA RACCONTA" “Mimì che la vita racconta” è un mu...
Risposta
04/04/2016 22:59:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 23:02 Quota

(nessuno) Mia Martini



Tributo per Mia Martini "AL FESTIVAL DEL CABARET EMERGENTE"
Un tributo a Mia Martini con ospite d'onore Letizia Contadino.
12547051
« immagine » Tributo per Mia Martini "AL FESTIVAL DEL CABARET EMERGENTE" Un tributo a Mia Martini con ospite d'onore Letizia Cont...
Risposta
04/04/2016 23:02:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 23:05 Quota

(nessuno) Mia Martini



Loretta Goggi ricorda Mimì

Durante il suo spettacolo itinerante dal titolo "Se stasera sono qui" che si è tenuto nei giorni dal 26 al 28 gennaio al teatro Europauditorium Mario Cagli di Bologna la Goggi ha omaggiato Mia Martini eseguendo il brano "cu' mme" e ricordandola come la "grandissima", la Goggi si è meritata una ovation di applausi durata 10 minuti.
12547053
« immagine » Loretta Goggi ricorda Mimì Durante il suo spettacolo itinerante dal titolo "Se stasera sono qui" che si è tenuto nei...
Risposta
04/04/2016 23:05:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
poitispiego
Proprietario
poitispiego 04/04/2016 ore 23:26 Quota

(nessuno) Mia Martini

Come nasce una canzone: “Minuetto” raccontata da Mia Martini, Franco Califano e Dario Baldan Bembo.



Minuetto arriva un anno dopo Piccolo uomo, il brano che dato la notorietà a Mia Martini nel 1972, e la scelta si rivela azzeccata in quanto permette alla giovane artista di bissare l'exploit commerciale, risultando il singolo più venduto del suo repertorio.Autore del testo è un ancora poco noto Franco Califano, che per l'occasione collabora con Dario Baldan Bembo. Una prima stesura del testo, più convenzionale e meno efficace, che all’epoca non aveva convinto, è stata realizzata da Luigi Albertelli, col titolo Salvami. I fans hanno potuto ascoltare questa versione solo alcuni anni fa, inserita nella raccolta postuma di inediti Canzoni segrete.
Prima della pubblicazione, in diverse interviste, Mia Martini dichiara con entusiasmo di avere pronta una canzone ‘forte’, prevedendo i consensi che, puntualmente, ha ottenuto e continua ad averli ancora oggi, nonostante siano trascorsi oltre 40 anni: A MIO PARERE, Minuetto è un pezzo di genere classicheggiante con un finale straordinariamente suggestivo. Piacerà alla gente di palato fino. Ma siccome oggi i gusti si sono affinati, dovrebbe piacere anche al grande pubblico….



Franco Califano ha raccontato la genesi di questo brano: Mi ricordo che all'epoca cominciò in altre mani. Tutti gli altri, oltre a Baldan Bembo che aveva scritto la musica, ci misero del testo sbagliandolo tutti. Io ero a Milano e fui chiamato per ultimo, come sempre. Mi sono fatto dare i testi sbagliati, ho visto dove hanno sbagliato ed è lì che ho azzeccato il testo, facendomi raccontare da Mimì un po’ della sua vita in quel momento. E gliel’ho scritta addosso, insomma. Ho fatto un po’ il sarto e un po’ l’artista. La parte che assomiglia di più a Mimì di questa canzone è quella centrale, dove tutti quanti avevano sbagliato ripetendo sempre la stessa parola. Io invece lì ci ho fatto il discorsivo (canta la canzone). L’attesa drammatica di una donna che aspetta il suo uomo, che arriva quando vuole. E ce ne sono di “machi” che arrivano quando vogliono e se ne vanno quando vogliono.
Il testo ripropone l’immagine di una donna che, nonostante tutti i soprusi e gli abbandoni, torna ad elemosinare amore da un uomo egoista e bugiardo, racconta le ore tutte uguali di una prigionia senza catene per amore di un uomo assente ed egoista che viene quando vuole, prende ciò che vuole e se ne và. Ma evidenziando, questa è la novità rispetto agli argomenti allora trattati, un risveglio femminile che acquista coscienza di se attraverso percorsi di dolore, di sofferenza.



La musica, come ha spiegato Dario Baldan Bembo, parte appunto come rivisitazione in chiave moderna di un minuetto, per poi trasformarsi nella seconda parte in una ballata lenta e malinconica’. L'arrangiamento è di ottimo livello. Verrà realizzata anche un'edizione spagnola e francese. Il successo discografico è immediato e la canzone raggiunge il 2° posto nella classifica dei 45 giri, restando in Hit Parade per la bellezza di 30 settimane e piazzandosi nella top 10 annuale.
Con questo brano Mia Martini ha la possibilità di vincere per la seconda volta consecutiva il Festivalbar, questa volta ex-aequo con Marcella Bella in gara con Io domani di Giancarlo Bigazzi e del fratello Gianni.

12547075
Come nasce una canzone: “Minuetto” raccontata da Mia Martini, Franco Califano e Dario Baldan Bembo. « immagine » Minuetto arriva...
Risposta
04/04/2016 23:26:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
xsandras
Partecipante
xsandras 05/04/2016 ore 01:55

(nessuno) Mia Martini

20 anni senza Mia Martini













asor.69
Partecipante
asor.69 05/04/2016 ore 08:22

(nessuno) Mia Martini



asor.69
Partecipante
asor.69 05/04/2016 ore 08:28

(nessuno) Mia Martini

@poitispiego : Giancarlo....complimenti per il post, bellissimo. Buona giornata :bye :rosa
asor.69
Partecipante
asor.69 05/04/2016 ore 08:29

(nessuno) Mia Martini

@xsandras : Complimenti per il post, buona giornata :bye :rosa
asor.69
Partecipante
asor.69 05/04/2016 ore 08:33

(nessuno) Mia Martini

Quando saltellava in Curva con i tifosi del Napoli, poi due striscioni da brividi per lei.


Ecco cosa scriveva Il quotidiano La Repubblica raccontando l'omaggio dei tifosi del Napoli alla grande Mia quando partì per altri lidi...

NAPOLI - C' era una festa della nostalgia, ieri, al San Paolo. Napoli-Milan, con la sua diretta televisiva, è diventata l' occasione per ricordare chi non c' è più, e perfino per gridare la propria esistenza. Mia Martini, che apppena dieci giorni fa era qui, in questo stadio a saltellare tra i tifosi della curva B, c' era anche ieri sera. Il suo nome era in due striscioni, azzurri entrambi, lettere grandi e chiare.

Uno diceva:
"Nel cielo di Napoli un angelo azzurro, addio Mia".
L' altro:
"Nell' azzurro del cielo la canzone celeste di Mia Martini".
asor.69
Partecipante
asor.69 05/04/2016 ore 09:56

(nessuno) Mia Martini

asor.69
Partecipante
asor.69 05/04/2016 ore 09:57

(nessuno) Mia Martini



MIA MARTINI & RENATO ZERO INTERVISTA



Loredana Bertè + MIA MARTINI +R.ZERO: FESTA RADIO ITALIA
xsandras
Partecipante
xsandras 05/04/2016 ore 10:09

(nessuno) Mia Martini

@asor.69 : Grazie ,il merito và a Mia una voce un emozione.. :bye :rosa

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione