Forum - Amici della Natura

Proprietario
serena1O 19/05/2017 ore 21:24 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte



India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte




Nuovo caso di ciclopia: cos’è? È nata una capra con solo un occhio e un orecchio
È nata in India una capra con un occhio solo: l’animale è affetto da ciclopia, una malattia congenita rara, vediamo di cosa si tratta.



In Assam, India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte: può sembrare incredibile, eppure questa capra non ha nulla si strano se non un'anomalia congenita chiamata ‘ciclopia'. Vediamo insieme in cosa consiste e quali siano le conseguenze di questa condizione.
Un occhio e non solo. Nata lo scorso 10 maggio, questa capra ha lasciato gli abitanti del villaggio a bocca aperta. Con un grande occhio in mezzo alla fronte, un solo orecchio, un naso non completamente formato, le labbra di dimensioni più piccole e senza denti (per questo spunta la lingua dalla bocca), questa capra ha un'aspettativa di vita molto bassa che però, attualmente, ha già superato. Per gli animali che soffrono di ciclopia infatti la sopravvivenza è molto limitata poiché lo sviluppo del cervello non si è completato come avrebbe dovuto.

Cos'è la ciclopia. Questa capra è già diventata una specie di ‘star' se non una benedizione per gli abitanti del villaggio, anche considerando l'inaspettata sopravvivenza, ma cos'è esattamente la ciclopia? La ciclopia è un'anomalia congenita molto rara che colpisce i vertebrati che presentano le orbite fuse in un'unica cavità con globo oculare normale o quasi. La ciclopia si presenta durante lo sviluppo nel grembo materno quando i due emisferi del cervello non si separano. Oltre alla presenza di un occhio solo, la ciclopia comporta problemi alla formazione del naso, come nel caso della capra indiana.

Ciclopia e mitologia. La ciclopia oltre ad esistere davvero nella realtà, in quanto malattia congenita rara, fa anche parte della mitologia. I celebri ciclopi (dal greco ‘occhi a cerchio') sono appunto le creature che avevano un occhio solo in mezzo alla fronte: il più celebre è forse Polifemo che, nell'Odissea di Omero, fece prigioniero Ulisse.




2373971
« video » India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte Nuovo caso di ciclopia: cos’è? È nata una capra con sol...
Discussione
19/05/2017 21:24:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
IOXSONGXLEGGEND
Amministratore
IOXSONGXLEGGEND 19/05/2017 ore 21:30 Quota
IOXSONGXLEGGEND
Amministratore
IOXSONGXLEGGEND 19/05/2017 ore 21:34 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

È causata da disordini genetici ma anche da tossine che causano problemi alla morfogenesi. È noto che gli agnelli possono nascere con questa malformazione se la madre si è alimentata con alcuni tipi di alcaloidi. La ciclopia può essere indotta negli agnelli dalla ciclopamina e dalla jervina, alcaloidi contenuti nelle piante del genere Veratrum.


Ciclopia in un agnello
ti67
Amministratore
ti67 19/05/2017 ore 22:18 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

@IOXSONGXLEGGEND scrive:
poverina,purtroppo credo che avrà vita breve

lo penso pure io. Non sarà l'unica malformazione che avrà nel fisico
Moderatore
Giunone1960 20/05/2017 ore 14:41 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

Se questa innocente capretta è nata in India non c'è da stupirsi.In quella parte di mondo nascono strane creature,sia umane che animali.Ma quante schifezze avranno fatto in quel paese di emme ?anche lì terre dei fuochi ?
serena1O
Proprietario
serena1O 20/05/2017 ore 19:19 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

@Giunone1960 scrive:
ndia, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte
Se questa innocente capretta è nata in India non c'è da stupirsi.In quella parte di mondo nascono strane creature,sia umane che animali.Ma quante schifezze avranno fatto in quel paese di emme ?anche lì terre dei fuochi




e nn solo,facendo una ricerca su una deformità (il famoso Elefant Man) , ho scoperto che moltissimi bambini in India nascono deformi.
serena1O
Proprietario
serena1O 20/05/2017 ore 19:20 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte









Disastro di Bhopal


Il disastro di Bhopal è avvenuto il 3 dicembre 1984 nella città indiana di Bhopal a causa della fuoriuscita di 40 tonnellate di isocianato di metile (MIC), dallo stabilimento della Union Carbide India Limited (UCIL), consociata della multinazionale statunitense Union Carbide specializzata nella produzione di fitofarmaci.
La nube formatasi in seguito al rilascio di isocianato di metile, iniziato poco dopo la mezzanotte del 3 dicembre 1984, uccise in poco tempo 2.259 persone e avvelenò decine di migliaia di altre. Il governo del Madhya Pradesh ha confermato un totale di 3.787 morti direttamente correlate all'evento, ma stime di agenzie governative arrivano a 15.000 vittime. Un affidavit governativo del 2006 asserisce che l'incidente ha causato danni rilevabili a 558.125 persone, delle quali circa 3.900 risultano permanentemente invalidate a livello grave. Viene comunque attribuita al governo la volontà di estendere a quante più persone possibili, anche minimamente coinvolte, gli aiuti previsti dagli accordi del 1989, al prezzo di trascurare in qualche misura le invalidità di grado maggiore. Ancora nel 2006, nelle zone interessate dalla fuoriuscita del gas il tasso di morbilità è 2,4 volte più elevato che nelle altre adiacenti.
Si ritiene che i prodotti chimici ancora presenti nel complesso abbandonato, in mancanza di misure di bonifica e contenimento, stiano continuando a inquinare l'area circostante.
Ci sono diversi processi penali e civili ancora in corso, sia presso tribunali americani che indiani. Essi coinvolgono l'UCIL, lavoratori ed ex-lavoratori, la multinazionale Union Carbide stessa e Warren Anderson (deceduto nel 2014), il suo CEO al tempo del disastro, sul quale dal luglio 2009 pendeva un mandato di arresto emesso dalla giustizia indiana.
Nel giugno 2010 un tribunale di Bhopal ha emesso una sentenza di colpevolezza per omicidio colposo per grave negligenza nei confronti di otto ex-dirigenti indiani della UCIL (di cui uno già deceduto), tra i quali Keshub Mahindra, all'epoca presidente. La condanna, pari al massimo previsto di due anni di carcere e 100.000 rupie (circa 2000 dollari) di multa, è stata giudicata irrisoria dagli attivisti e dalla società civile. I condannati, scarcerati dietro una cauzione inferiore ai 500 dollari, hanno presentato appello.
serena1O
Proprietario
serena1O 20/05/2017 ore 19:24 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

La Union Carbide India Limited (UCIL) venne fondata nel 1934 dalla Union Carbide Corporation USA (UCC), uno dei primi investitori americani in India. Divenne una sussidiaria della UCC il 24 dicembre 1959 e l'azienda americana al momento dell'incidente ne deteneva il 50,9% delle azioni.
L'impianto di Bhopal fu costruito a partire dal 1969 su terreno preso in affitto dal governo locale. La sezione per la produzione di MIC venne aggiunta nel 1979 ed entrò in funzione il 5 febbraio 1980. Il MIC era un prodotto intermedio nella produzione dell'insetticida carbaryl (nome commerciale Sevin) e Bhopal era l'unico impianto a produrlo fuori dagli Stati Uniti.
Il primo obiettivo dell'azienda era il Safety First, ossia la sicurezza del personale, e per questo motivo l'azienda donò all'ospedale Hamidia l'attrezzatura necessaria per la rianimazione in caso di contaminazioni gassose e allestì un piccolo ospedale interno per eseguire tutti gli esami necessari al controllo dello stato di salute dei lavoratori e alla cura di eventuali disturbi respiratori; i medici che vi operavano però non vennero mai istruiti sulle patologie dovute a fughe di gas, né informati dei componenti presenti nelle lavorazioni. La crisi del 1982 condusse alla riduzione delle perdite della fabbrica e i tagli portarono al licenziamento del 40% del personale specializzato. Nell'estate 1983, la Union Carbide, consapevole del fallimento, sospese la produzione in previsione della definitiva chiusura dell'impianto che sarebbe stato poi trasferito in altri paesi. Restarono però 63 tonnellate di isocianato di metile nei tre serbatoi sotterranei. Nonostante la pericolosità della sostanza, nell'autunno del 1983 gli impianti di sicurezza vennero disattivati, la refrigerazione delle vasche dell'isocianato di metile fu interrotta, la manutenzione ordinaria fu sospesa e la fiamma pilota della torre di combustione, ultimo sistema di sicurezza per bloccare eventuali fughe di gas contaminante, fu spenta. La fabbrica chiuse definitivamente il 26 ottobre 1985.







I fattori che condussero al disastro








Durante un controllo, per via di alcuni malfunzionamenti, l'acqua finì nella vasca provocando la reazione dell'isocianato di metile, che a contatto con l'acqua sviluppò calore facendo aumentare la pressione all'interno dei serbatoi. Il gas formatosi si espanse verso la torcia spenta e tappata, facendo aumentare ulteriormente la pressione fino alla rottura delle valvole e diffondendosi quindi nell'atmosfera. L'assenza di vento favorì la catastrofe provocando una stratificazione della sostanza, più pesante dell'aria. La nuvola si diresse verso le bidonville dei quartieri poveri che si trovano nella Spianata Nera abbattendosi su centinaia di migliaia di persone. Altre fonti invece indicano che fu proprio il vento a favorire la catastrofe stessa spingendo la nube tossica nella vicina bidonville. Ad avvalorare questa ipotesi furono le testimonianze di alcuni superstiti che andarono proprio incontro al vento trovando salvezza su un colle lì vicino sopra un lago da cui proveniva aria fresca che allontanava nella direzione opposta la nube tossica.
Persero la vita all'incirca 8.000-10.000 persone secondo i dati del centro di ricerca medica indiana, oltre 25.000 per Amnesty International. La stima più probabile parla di 21.000 vittime e 500.000 intossicati più o meno gravi.
La successiva investigazione rivelò che non vennero applicate diverse procedure di sicurezza. I deflettori, che avrebbero potuto impedire l'infiltrazione dell'acqua, non furono utilizzati; i refrigeratori erano fuori uso, così come lo erano le torri antincendio che avrebbero potuto impedire la fuga di gas. Dopo la fuoriuscita i medici locali non furono informati della natura del gas, impedendo di fatto i trattamenti sanitari e la conseguente pianificazione degli interventi. La maggioranza dei morti e dei feriti fu causata da edema polmonare ma il gas causò tutta una serie di diversi disturbi anche a distanza come alterazioni genetiche che si sono espresse nei neonati con gravi malformazioni congenite.
serena1O
Proprietario
serena1O 20/05/2017 ore 19:27 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

@ti67 scrive:
India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte
@IOXSONGXLEGGEND scrive:
poverina,purtroppo credo che avrà vita breve

lo penso pure io. Non sarà l'unica malformazione che avrà nel fisico







La piccola ha quattro occhi, due nasi e due bocche




perchè tanti casi come questo in India?
Dalle altre parti del mondo non se ne fa notizia?
O c'è qualche "anomalia genetica", fra alcune persone
in India, per cui da secoli nascono piu' persone
con malformità che altrove
IOXSONGXLEGGEND
Amministratore
IOXSONGXLEGGEND 20/05/2017 ore 19:43 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

@serena1O scrive:
La crisi del 1982 condusse alla riduzione delle perdite della fabbrica e i tagli portarono al licenziamento del 40% del personale specializzato. Nell'estate 1983, la Union Carbide, consapevole del fallimento, sospese la produzione in previsione della definitiva chiusura dell'impianto che sarebbe stato poi trasferito in altri paesi. Restarono però 63 tonnellate di isocianato di metile nei tre serbatoi sotterranei. Nonostante la pericolosità della sostanza, nell'autunno del 1983 gli impianti di sicurezza vennero disattivati, la refrigerazione delle vasche dell'isocianato di metile fu interrotta, la manutenzione ordinaria fu sospesa e la fiamma pilota della torre di combustione, ultimo sistema di sicurezza per bloccare eventuali fughe di gas contaminante, fu spenta. La fabbrica chiuse definitivamente il 26 ottobre 1985.

chissà cosa c'è sotto :-(
ti67
Amministratore
ti67 21/05/2017 ore 00:04 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

@serena1O scrive:
perchè tanti casi come questo in India?
Dalle altre parti del mondo non se ne fa notizia?
O c'è qualche "anomalia genetica", fra alcune persone
in India, per cui da secoli nascono piu' persone
con malformità che altrove

i fiumi in India sono fortemente inquinati e nonostante questo si immergono per questioni religiosi nel fiume Gange ormai ridotto a un fiume putrido
IOXSONGXLEGGEND
Amministratore
IOXSONGXLEGGEND 21/05/2017 ore 20:15 Quota

(nessuno) India, è nata una capra con un occhio solo in mezzo alla fronte

@ti67 scrive:
i fiumi in India sono fortemente inquinati e nonostante questo si immergono per questioni religiosi nel fiume Gange ormai ridotto a un fiume putrido

:-(

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione