Forum - A COME AMORE ED AMICIZIA

Amministratore
ventomaestrale 08/01/2018 ore 11:28 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?




E' singolare, nonché molto significativo, che un ufficiale dell'Arma durante una delle solite conferenze con i giornalisti locali circa arresti e operazioni di routine, vada oltre il compito di informare sui dettagli dell'operazione eseguita. A Padova, il colonnello Oreste Liporace Comandante Provinciale dei carabinieri, ragguaglia i presenti sull'arresto di otto persone ree di aver messo a segno una serie di furti in appartamenti della città e della provincia. Si tratta di otto uomini, di etnia albanese e immortalati da foto segnaletiche che il colonnello tiene a far girare tra i cronisti presenti, affinché fissino nelle loro menti quei volti di ladruncoli esperti e pronti a commettere altri furti. I cronisti notano la preoccupazione sul volto del colonnello, non è una semplice riunione di routine come tante altre svolte in casi analoghi. Il comandante ci tiene molto affinché la stampa collabori con le forze dell'ordine per allertare la popolazione e invitarla ad aumentare le misure per proteggersi. Bontà sua, i carabinieri lo fanno da sempre, sanno cosa fare, si raccomandano e se possono dare consigli lo fanno con alto senso del dovere: sanno benissimo che prevenire è meglio. Tra l'altro gli otto uomini arrestati sono noti, sono persone che delinquono abitualmente e che passano la loro vita rubando e razziando negli appartamenti, facendosi arrestare e dopo un po', di nuovo al lavoro solito, riprendendo una ricorrente attività "lavorativa" come se niente fosse. Il colonnello Liporace è quasi dispiaciuto, è teso, parla e lo fa con rispetto e dignità: non intende interferire con nessun altra istituzione e se qualcosa deve far trapelare, lo fa con garbo e moderazione. La giustizia italiana è il grande cruccio del comandante, sa che i suoi uomini, ancora una volta hanno compiuto il loro dovere assicurando alla legge i ladri, ma nel contempo, l'marezza lo assale perché, come ampiamente dimostrato dai fatti, sa che quegli otto uomini torneranno alla carica, torneranno a delinquere e a nulla sarà servito l'arresto. "Vuoi per la mancata convalida di un fermo o di un arresto, vuoi perché non viene disposto il carcere preventivo o ancora perché le pene erogate sono tanto lievi da scontarsi in un battito di ciglia". I cronisti appuntano le dichiarazioni, accettano in silenzio tutti i consigli rivolti alla gente, alle misure per tener lontano i delinquenti e i trucchi per confonderli, sono l'unica arma che possiede il nostro buon colonnello e lui ha "parlato alla nuora perché la suocera intenda". Tocchiamo un tasto delicato purtroppo, ora non siamo solo noi cittadini a lamentare situazioni sempre più diffuse di gente che dovrebbe stare a lungo in cella, ora abbiamo gente che per esperienza diretta, ammette il duro lavoro: duro per l'inutilità, per lo sprezzo e la protervia di gentaglia che sicura delle condizioni di cui gode, si può permettere di deridere anche le forze dell'ordine: "Ma che ci arrestate a fare? Lo sapete che in un lampo saremo fuori per riprendere il quotidiano lavoro". Ecco di cosa soffriva il comandante Provinciale dell'Arma: pativa il dileggio ben mascherato, l'offesa velata, il vano impegno professionale che nonostante i buoni risultati, si infrange contro un fragile e inconsistente muro di argilla. La nostra legge oggi è questa e facciamocene una ragione. Forze dell'ordine presenti da una lato e giustizia a maglie larghe dall'altra. Molto larghe...ahinoi!
rapsodiainblu.57
Amministratore
rapsodiainblu.57 08/01/2018 ore 12:03 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?

@ventomaestrale scrive:
Forze dell'ordine presenti da una lato e giustizia a maglie larghe dall'altra. Molto larghe...ahinoi!


E' un paese con l'eccessiva volontà garantista: tre gradi di giudizio per dare un verdetto definitivo e tre gradi che per completarli ci vogliono anni e anni. Non chiedo che sia uno stato giustizialista, ma uno stato severo e giusto con pene certe quando serve. Il punto è che la classe politica non viene coinvolta abbastanza perché la nostra magistratura è troppo politicizzata. Una situazione kafkiana che si avvita su se stessa e non troverà mai pace. Hanno tutti ragione e chi ha torto è solo la gente comune che avverte i problemi a pelle.
r.elear
Partecipante
r.elear 08/01/2018 ore 12:59 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?

@ventomaestrale :

Vento, ti ricordi il film "La polizia incrimina, la legge assolve" del 1973, diretto da Enzo G. Castellari?


ventomaestrale
Amministratore
ventomaestrale 08/01/2018 ore 13:28 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?

@r.elear :

Sì, un filone che al tempo andava alla grande: lo stesso canovaccio per mettere in risalto gli anni settanta: difficili e critici per una serie di ragioni che andavano dalla politica alla società che non sapeva ancora crescere senza darsi alla delinquenza. Ciao e buona giornata a te:hop :hop :hop
carla.1962
Amministratore
carla.1962 08/01/2018 ore 17:11 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?

@ventomaestrale :
troppa indulgenza poi da ladruncoli passano ad essere dei veri criminali. Pensiamo un pò al lavoro che fanno le forze dell'ordine per riuscire a catturare i delinquenti per poi trovarseli a spasso dopo pochi giorni
unadonnacosi
Partecipante
unadonnacosi 08/01/2018 ore 17:16 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?

@ventomaestrale :

Ormai è una situazione esasperante anche per gli uomini dell'arma. Pare che il loro lavoro sia diventato inutile di fronte alla "leggerezza" della giustizia. Ma come fanno a non rendersene conto che vede tutto anche un cieco? Che ci teniamo a fare questi uomini che lavorano in modo estenuante a volte? Ai posteri l'ardua sentenza perchè ai giudici di oggi di sentenze non se ne può discutere.
ventomaestrale
Amministratore
ventomaestrale 09/01/2018 ore 09:44 Quota

(nessuno) MA SE UN UFFICIALE DELL'ARMA DICE... CHE CI RESTA PIU' DA FARE?

@unadonnacosi :

Donna,secondo me è bene ricordarci una cosa fondamentale: se ai piani alti non si avverte ciò che si prova ai piani bassi, vuol dire che qualcosa non funziona o, nella peggiore dell'ipotesi, vuol dire che a chi sta su non gliene frega una mazza di ciò che succeda a chi sta giù.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione